Doping tecnologico: non so Voi, ma io non sono tranquillo.

Ma ci mettiamo seriamente a fare dei controlli e confutiamo tutti i dubbi sull’argomento?

La stagione ciclistica è oramai partita alla grande. Le classiche di primavera ci hanno dato grandi soddisfazioni, magari non tanto ai corridori Italiani, ma sicuramente abbiamo visto un bel ciclismo come era da un pochino che non ci capitava, con grandi nomi e campioni darsi battaglia.

Ora siamo nel pieno, del giro d’Italia e come tanti altri (per quello che i nostri impegni ci consentono), io incomincio felicemente a fare la buca sul divano….  ma un tarlo mi gira nella testa…

Non sono un complottista, ho già avuto modo di scriverlo in questo Blog e lo voglio ancora ripetere: lo so, non potete fare altro che credermi. Ma trovo che il silenzio assordante di tutto questo periodo in merito al possibile doping tecnologico, sia quantomeno sospetto… Letteralmente non se ne parla: praticamente mai nelle riviste (tranne qualche eccezione), o in TV durante le cronache.

Eppure i sospetti ed i relativi metodi per trovare eventuali colpevoli, ci sarebbe e non mi sto riferendo, alla farsa dei controlli effettuati con il tablet, su bici parcheggiate in parco chiuso ma nemmeno punzonate: no dico, ma facciamo dell’umorismo? E le ammiraglie ed il loro contenuto? E qualcuno ha avvisato gli ispettori  che la tecnologia del motorino nel piantone è stra-superata di fronte alle ruote ad induzione magnetica? Le controlliamo queste ruote?

Schermata 2017-05-20 alle 15.59.48
Fonte Gazzetta dello Sport

Insomma… vorrei continuare ad amare il mio sport e a guardarlo scevro di condizionamenti. E per farlo, devo allontanare il tarlo del sospetto. Non vedo altro modo che essere sicuro come sportivo, che i controlli ci sono, sono fatti con scrupolo, sono fatti con la tecnologia adeguata e che sono fatti sempre. Non vedo altre soluzioni.

Vi invito a seguire il link che rilancia all’inchiesta fatta dal corriere della sera. E’ di un anno fa, ma la trovo attualissima

inchiesta Corriere della Sera (clicca qui)

Approfondimento della Gazzetta dello Sport (ben fatto clicca qui)

Se l’argomento vi intriga ed anche a Voi è entrato il tarlo (mi dispiace) ho raccolto altri video sull’argomento. A voi decidere se siamo nell’ambito del Gossip o no.  Ma sentire Cipollini, che fa certe dichiarazioni pubbliche, mi fa un po’ paura…

A seguire un altro video/testimonianza di una indagine effettuata da France Télé-Vision… bella, ben fatta e molto completa. E’ in Francese con i sottotitoli in Inglese, merita di essere vista.

JT    jt@cyclist4passion.com

 

2 thoughts on “Doping tecnologico: non so Voi, ma io non sono tranquillo.”

  1. Articolo davvero molto interessante… da appassionati di ciclismo speriamo e crediamo sempre che il nostro sport sia pulito sia da doping fisico che da doping tecnologico, ma dando un’occhiata alle medie di corsa qualche dubbio sorge sicuramente.. non ci rimane che fidarci dei nostri idoli e divertirci con lo sport 🙂 ancora complimenti sia per l’articolo che per tutto il blog. A presto, Km-Zero.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...